SCELTE

IL LIBRO NERO
DI UNO STRIMPELLATORE
© Domenico Nordio-DNC, 2022
IL LIBRO NERO
DI UNO STRIMPELLATORE
© Domenico Nordio-DNC, 2022
IL LIBRO NERO
DI UNO STRIMPELLATORE
© Domenico Nordio-DNC, 2022
© Domenico Nordio-DNC, 2022
Vai ai contenuti

SCELTE

Domenico Nordio
Pubblicato da Domenico · 26 Giugno 2022
Sono libere scelte, e ci mancherebbe altro.

Si può fare la scelta di non aver famiglia, con il rischio di ritrovarsi a subire il silenzio assordante di una casa vuota. Si può fare la scelta di non avere figli, privandosi del miracolo di una parte di te che ti sopravvivrà. Si può fare la scelta di rendere il violino il tuo unico amico, senza pretendere che ti possa ascoltare, o consolare, nei momenti di sconforto. Si può fare la scelta di rintanarsi alla ricerca del successo a tutti i costi, mangiandosi il fegato di continuo, perché ci sarà sempre chi ha una attività più soddisfacente della tua.

Oppure si può scegliere di condurre un'esistenza ricca, fatta sì di studio, viaggi e palcoscenico, ma anche di pannolini da cambiare, di primi giorni di scuola, di pomeriggi al parco guardando i pargoli scatenarsi, di litigate con la moglie, seguite dai meravigliosi momenti di riappacificazione. E si può scegliere di godere delle bellezze della natura, di sentire l'aria che riempie i tuoi polmoni quando corri; si può scegliere di buttarsi nella mischia, incontrando gente sempre diversa, che a sua volta ha fatto scelte diverse dalle tue, e che per questo ti rapisce.

Ecco, io ho scelto di amare la musica, di amare la vita, di amare la mia famiglia, di amare me stesso, dopo una gioventù dedicata al violino, nella quale rischiavo di inaridirmi. Ero davanti a un bivio, ho preso la direzione giusta. E amen se non sono arrivati tutti i concerti che meritavo, o che la mia carriera non sia stata così travolgente. Perché le ore che passano non tornano, e io ho voluto essere di più di un automa che sfrega quattro corde tutto il giorno, affogando nella solitudine e nei rimpianti.



Torna ai contenuti