Vermi e galline

Domenico Nordio
Go to content

Vermi e galline

Domenico Nordio
6 October 2020
Sono spariti.

I miei colleghi questuanti, quelli che da sempre fanno la fila davanti alla mia porta e che io, mosso a compassione, ho accolto a braccia aperte e ho sostenuto nel momento del bisogno, sono spariti.

E sono spariti tutti: i negati, i talentosi, i frustrati, gli egocentrici, i carrieristi, gli scambisti, i politicanti, i religiosi, i biondi, i mori, i ciechi, i sordi. Gli approfittatori. Tutti.

Nel momento della mia malattia sono spariti come dei vermi e si sono rintanati sotto terra, nella attesa di potersi cibare del mio cadavere infettato dal virus. Adesso che non fiutano più la possibile putrefazione della mia carne, quei vermi stanno riemergendo, striscianti più che mai; li vedo affacciarsi timidamente all'orizzonte, con la bava che impregna i musi. Nel cortile di casa ci sono le mie galline, pronte ad ingoiarseli vivi: poverette, fino ad ora avevo tenuto a freno i loro appetiti, costringendole alla fame. Sono stato ingiusto, ho avuto torto.


ILLIBRONERO
DIUNOSTRIMPELLATORE

© DOMENICO NORDIO, 2022
RIPRODUZIONE RISERVATA
Back to content